L’uso delle alghe in cucina è una tradizione non solo orientale, anche le popolazioni mediterranee le hanno usate fin dall’antichità, grazie al loro gusto gradevole e alle proprietà benefiche.

Molto usate nella cucina giapponese, le alghe sono un ingrediente da riscoprire anche nella nostra cucina di tutti i giorni. Da sole offrono un apporto di fibre, vitamine e oligoelementi molto importante per il nostro organismo. Un alimento naturalmente ricco di iodio, con cui condire zuppe e insalate, ottimo per antipasti, ma anche per condire pesce o primi piatti.

L’alga Nori

E’ forse la più conosciuta grazie al suo gusto gradevole al palato, è un’alga rossa ricca di Omega 3, chiamata anche ‘lattuga di mare’. Questa alga aiuta la digestione e l'assimilazione delle proteine. Contiene importanti percentuali di vitamina C e B12 e di betacarotene.

Come si cucina
L'alga Nori si presta a molti utilizzi, può essere tagliata a fette, scottata alla fiamma e arrotolata attorno ad un formaggio saporito, fritta con o senza pastella, aggiunta al pesce oppure cosparsa su riso o sulla pasta ai frutti di mare al posto del prezzemolo.

L’alga Kombu

Esistono molte varietà di questa alga ricca di iodio, calcio, ferro e magnesio. Un’alga gustosa ed energetica che aiuta il metabolismo e depura l’intestino.

Come si cucina
Spesso quest’alga si trova tagliata a strisce, mettila in ammollo fino a che non diventa morbida. Aggiungi le strisce ad una zuppa di mare con filetto di pesce, carote, zucchine, qualche foglia di spinaci, del limone, vino bianco, olio di oliva e sale. Ottima anche come ingrediente nelle creme di verdure.

L’alga Wakame

Un'alga di colore bruno originaria dei mari giapponesi. E’ ricca di potassio, calcio, magnesio, ferro, sodio e cloro. Assomiglia a una grande foglia dentellata.

Come si cucina
Grazie al suo sapore delicato si accompagna bene con riso, pasta, ortaggi e frutti di mare. Bagna il Wakame nell'acqua, strizzala e uniscila all'insalata composta da cetrioli, gamberetti, calamari e polipi. Condisci con succo di limone ed olio di oliva.

L’alga Hijiki

Un’alga bruna tra le più ricche di minerali e oligolelementi, in particolare calcio. Cresce in profondità ed è tradizionalmente usata per rinforzare capelli e unghie.

Come si cucina
Immergi l'alga nell'acqua per reidratarla poi strizzala e saltala in padella con un po' d'olio di oliva e della salsa di soia. Unisci al composto delle carote, dei funghi, dei pezzetti di pollo, qualche gamberetto o calamaro.

L’alga Arame

E’ quella con il sapore più dolce e delicato, si usa soprattutto come contorno e presenta proprietà nutrizionali straordinarie.

Come si cucina
Mettila in ammollo in un po’ d’acqua per una decina di minuti, quindi cucinala con l’acqua d’ammollo o con aglio o cipolla, quindi utilizzala come aggiunta per primi o insalate. Aggiusta con qualche goccia di shoyu e servi.

L’alga Dulse

Meno conosciuta è l’alga dulse, che si presenta di colore violaceo e ha un sapore piccante. Anche questa alga presenta notevoli proprietà nutrizionali ed è molto diffusa nell’Europa nord-occidentale.

Come si cucina
Perfetta per arricchire antipasti, frittate e insalate è ottima anche come condimento per pasta e riso: scottala semplicemente in padella con un po’ di olio e uno spicchio d’aglio.