Come funziona?

 

La scelta dei programmi

È bene sempre dedicare qualche minuto al libretto di istruzioni della lavastoviglie, in modo da scegliere sempre il programma più efficiente in funzione del carico e del tipo di stoviglie.

Perché Programmare a 50°C o 55°C?

Le alte temperature non sono necessarie in tutti i lavaggi. Nella maggior parte dei casi puoi ottenere ottimi risultati di pulito anche scegliendo cicli a temperature inferiori, ovvero 50 o 55°C, ottenendo lo stesso effetto che avresti usando, ad esempio, programmi a 65°C. C. Le alte temperature si rendono indispensabili solo nei casi di sporco più ostinato.

Perché i Programmi Automatici?

Sono molte le lavastoviglie oggi sul mercato in grado di impostarsi automaticamente in base al carico di stoviglie all'interno della macchina. Un programma automatico capace di selezionare quindi la combinazione migliore possibile, in ogni caso, di acqua ed energia elettrica.

Puoi evitare il prelavaggio lasciando le stoviglie ammollo per una notte prima di riporle nella lavastoviglie. In questo modo si facilita l'eliminazione dello sporco superficiale in modo naturale. I residui di cibo vanno rimossi con un tovagliolo di carta e senza utilizzare acqua calda del rubinetto. Per un risultato ottimale sarebbe sempre meglio pulire o pretrattare le pentole e padelle molto incrostate prima di riporle nella lavastoviglie.

Il detersivo Pril, se usato secondo le istruzioni, funziona ottimamente in tutti i programmi di lavaggio, e garantisce il pulito brillante anche nei programmi a risparmio energetico.

 

Come avviene il Lavaggio?

Il lavaggio nella lavastoviglie avviene grazie all'azione meccanica dell'acqua combinata con l'azione pulente del detersivo. Dopo il prelavaggio, indicato soprattutto nelle situazioni di sporco più ostinato, inizia il vero e proprio ciclo di lavaggio principale.

Il dispenser del detersivo si apre permettendo la miscelazione del detersivo con l'acqua. Questa soluzione viene pompata nei bracci di lavaggio, la forza di pompaggio fa sì che i bracci girino, ed in questo modo vengono raggiunti tutti gli oggetti.

Esistono modelli di lavastoviglie che ti consentono di adattare il lavaggio a seconda dello sporco e del tipo di stoviglia. I modelli più evoluti di lavastoviglie hanno una particolare opzione che consente di regolare tramite impulsi elettronici la quantità di acqua. Per risparmiare tempo ed energia è importante regolare le diverse modalità di lavaggio a secondo della quantità di stoviglie da lavare.

Le lavastoviglie freestanding sono quelle a libera installazione. Esse hanno la comodità di essere posizionate dove più fa comodo e sono adatte soprattutto quando la cucina è arredata con elementi indipendenti tra loro. Le lavastoviglie a incasso sono quelle da incorporare nel blocco cucina.

 

I Programmi di Lavaggio della Lavastoviglie

Le lavastoviglie ti offrono la possibilità di scegliere tra diversi programmi di lavaggio. I programmi di lavaggio sono programmi preimpostati che si differenziano per temperatura di lavaggio, quantità d'acqua, quantità di detersivo e tempo di funzionamento.

Più o meno ogni modello ha lo stesso numero di programmi tra cui quello normale a 65°C e quello a risparmio energetico a 50°C, oltre a vari programmi a tempo o in base al carico. In ogni caso la scelta va fatta anche in base alle diverse esigenze.

Oltre ai programmi di lavaggio base, ne esistono spesso di più specifici:

  • Il ciclo a mezzo carico, se la lavastoviglie non è piena, spesso potendo scegliere anche in quale dei due cestelli effettuare il lavaggio;
  • I cristalli/delicato, lavare delicatamente a 40° le stoviglie fragili e le porcellane;
  • L'economico, che lavare a 45°C o a 55°C è adatto a stoviglie non molto sporche o ai carichi ridotti;
  • L'intensivo/energetico, per lo sporco secco e resistente, lava a 75°C;
  • Il prelavaggio, può essere eseguito a caldo o a freddo, e serve ad eliminare i residui di cibo dalle stoviglie;
  • Il rapido/breve, ciclo ridotto di 30 minuti che lava a temperature medio-alte stoviglie non molto sporche;
  • Autowash è il programma che autoregola i consumi e la durata in base al livello di sporco e alla quantità di stoviglie.

 

Qual è il modello giusto per me?

Esistono svariati modelli di lavastoviglie. Le lavastoviglie standard sono solitamente larghe 60 cm e lavano 12 coperti (alcuni modelli anche 15). I modelli da 45 cm lavano 8-9 coperti. La profondità standard della lavastoviglie è di quasi 60 cm e l'altezza è tra gli 85 e i 90 cm.



I modelli più piccoli e compatti, invece sono alti soltanto intorno ai 46 cm e profondi 48, possono essere a cassetto o da appoggio e lavano 6 o addirittura 4 coperti, quindi ideali per i single e per i piccoli spazi come i monolocali.



Per eliminare completamente i residui del lavaggio avviene poi il risciacquo. Le lavastoviglie possono avere più cicli di risciacquo a seconda delle esigenze; in particolare il ciclo finale, grazie al brillantante e alla funzione del sale, impedisce alle gocce d'acqua di depositarsi sulle stoviglie, garantendo un pulito brillante.



L'ultima fase è naturalmente quella dell'asciugatura, potrai scegliere il ciclo di asciugatura della lavastoviglie che garantisce un risultato più veloce, oppure lasciarle asciugare utilizzando il calore residuo del lavaggio o posizionandole all'aperto nello scolastoviglie posto sopra il lavabo, in questo modo risparmierai molta energia.

 

Vuoi una lavastoviglie "intelligente"?

Negli ultimi anni la tecnologia ha fatto passi da gigante nel campo delle lavastoviglie. Esistono sempre più lavastoviglie in commercio dotate di apparecchi elettronici e sensori in grado di definire automaticamente il programma più adatto al tipo di carico, dispensandoti dal selezionarlo a mano.

I sensori in questione sono chiamati in modi diversi a seconda di chi li produce e nel primo risciacquo dopo l'avvio, misurano il livello di torbidità dell'acqua; in questo modo possono stabilire di conseguenza la durata del ciclo, la quantità d'acqua da usare e la temperatura di questa.

I sensori tengono anche conto del numero di stoviglie caricato e quindi per un carico minore verrà erogata meno acqua, e viceversa. Con l'automatizzazione delle funzioni si ha un ulteriore risparmio di acqua ed energia, e si evitano sprechi.

In questi modelli esiste anche un display che indica eventuali anomalie, guasti o normalmente le temperature e lo stato di avanzamento del ciclo di lavaggio.