Le certificazioni

 

Le certificazioni

I produttori di lavastoviglie fanno della certificazione un criterio di grande importanza, in quanto specifica la qualità del prodotto, che viene prima collaudato e quindi controllato dettagliatamente da addetti del settore, prima di essere certificato.

La certificazione serve per informare che una lavastoviglie è conforme ad una normativa. Essa viene effettuata da organismi competenti al di sopra delle parti. La certificazione attesta la conformità della macchina a norme o regole tecniche riguardanti un determinato prodotto o servizio.

I produttori di lavastoviglie devono eseguire delle procedure stabilite dalla direttiva che vanno dai test di laboratorio all'intervento di organismi di certificazione. Più è elevato il grado di pericolosità del prodotto, tanto più severa è la procedura.

Esistono due tipi di marchi: volontari e obbligatori. Si parla di certificazione volontaria quando la conformità a norme tecniche è una scelta del produttore per garantire al consumatore una garanzia supplementare di qualità, es. Imq, Icim, Dve, Kema.

L'unico marchio obbligatorio per gli elettrodomestici è quello "CE", Conformità europea. La sigla "CE" deve essere esposta in modo visibile sulla lavastoviglie o sull'imballo e serve ad attestare che il prodotto possiede i requisiti essenziali fissati dalle direttive comunitarie, per evitare che il prodotto porti danni alla salute o all'ambiente o alle persone.

 

L'etichetta energetica

Per combattere ed abbattere i consumi degli elettrodomestici l'Unione Europea ha reso obbligatoria l'etichetta energetica che contiene tutte le informazioni utili per una scelta attenta.

Nell'etichetta energetica o energy label, il produttore deve indicare alcuni dati relativi al consumo energetico e alle principali caratteristiche dell'apparecchio.

Nelle lavastoviglie vengono indicate tre diverse classi:

  • L'efficienza energetica media per ogni ciclo di lavaggio;
  • La classe del lavaggio, a seconda di quanta acqua in media viene consumata per ogni ciclo di lavaggio;
  • La classe energetica dell'asciugatura.


In tutte e tre i casi, le classi possono andare dalla A (quella che consuma meno) alla F (quella che consuma di più). Per fare un esempio, una lavastoviglie da 12 coperti con classe di efficienza energetica A, consuma in un ciclo normale a 50° o 60°C, circa 1 KWh e 13-14 litri d'acqua.

 

La scheda del prodotto

La scheda della lavastoviglie deve essere così composta:



  • TIPO

Qui è indicato se la lavastoviglie è a libera installazione o a incasso.

  • 

ETICHETTA ENERGETICA

Riporta i dati relativi ai consumi di energia elettrica dell'apparecchio.



  • COPERTI

Indica quanti coperti può lavare la lavastoviglie. Per coperto si intendono tutti i piatti, i bicchieri, le posate e le stoviglie necessari per una persona.



  • PROGRAMMI

Vengono indicati il numero e il nome dei programmi di lavaggio. Alcuni modelli possono avere fino a 10 programmi.



  • CONSUMO ENERGIA

Espressa in kWh consumati in un ciclo normale.



  • CONSUMO ACQUA

Espresso in litri per un ciclo normale.